Come Preparare una Relazione

Come organizzarti per preparare una buona relazione? Prima di tutto devi avere bene in mente che si tratta di un’esposizione di informazioni relative ad un determinato argomento, quindi è bene seguire uno schema prefissato che ti consenta di individuare i punti principali.

Individuato il titolo devi documentarti sull’argomento raccogliendo tutte le informazioni necessari alla stesura della relazione. Per farlo puoi ricorrere ad articoli di riviste, testi specialistici, la Biblioteca o consultare un motore di ricerca su Internet. Raccolto il materiale necessario dovrai valutarlo ed interpretarlo per estrarre tutti i dati e le informazioni che ritieni utili alla redazione finale della relazione.

Successivamente consiglio di valutare ed interpretare il materiale raccolto allo scopo di estrarre tutti i dati e le informazioni che ritieni utili, quindi puoi passare alla fase successiva che consiste nel mettere insieme un insieme di materiali (come fotografie, grafici, tabelle e schemi) che possano aiutare il lettore o l’ascoltatore della relazione a meglio comprenderne l’esposizione.
Un’altra fase importante è la valutazione del tempo a disposizione: questo ti permetterà di stabilire quale parte del materiale potrai riferire nel dettaglio e quale invece dovrai riassumere ed eventualmente eliminare.
Alla fine non resta che stendere la scaletta della relazione, che sarà composta da tre parti:
introduzione, corpo centrale, conclusione.

Durante l’esposizione della relazione dovrai evitare di leggere direttamente il testo, ma esporre i risultati del lavoro svolto seguendo i punti della scaletta parlando a voce alta e chiara, scandendo bene le parole e mettendo in evidenza, attraverso il cambiamento del tono di voce, i passaggi logici.
Ogni tanto dovrai riepilogare i concetti esposti fino a quel momento per aiutare chi ascolta a seguire l’esposizione nel suo sviluppo. Utilizza in maniera appropriata e tempestiva il materiale di supporto (disegni, tabelle, grafici) e ribadisci i dati più importanti emersi. Terminerai la relazione con una considerazione che soddisfi gli ascoltatori e ti accomiaterai dagli ascoltatori ringraziandoli per aver seguito l’esposizione con attenzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *