Come Fare la Ratatouille

La ratatouille è un tipico piatto francese davvero molto gustoso. La sua realizzazione non è per nulla complicata. Può certamente essere paragonata alla nostra caponata. Inoltre puoi servirla da sola, o accompagnata con del riso in bianco, a cui dovrai miscelarla per ottenere ottimi risultati. Vediamo come occorre comportarsi per la preparazione.

Occorrente
2 o 3 spicchi d’aglio
2 cipolle
1 peperone verde ed uno rosso
2 melanzane
2 zucchine
6 cucchiai di olio
Mezzo chilo di pomodori
Sale, pepe, e qualche foglia di basilico

Metti in una pentola a bollire dell’acqua, non salata, e portala a ebollizione con dentro i pomodori, che dovrai quindi scottare per poi pelare e tagliare a pezzetti.
Nel frattempo, sbuccia le verdure, tagliale a cubetti (abbastanza grandi), e taglia il peperoni eliminandone i semi.
Metti in una padella antiaderente qualche cucchiaio di olio, e facci appassire la cipolla, insieme ai peperoni, fintanto che saranno ben dorati.
In un’altra pentola, con un altro pò di olio, fai rosolare gli spicchi di aglio con melanzane e zucchine.

Le melanzane per loro natura tendono ad assorbire molto l’olio di cottura. Per evitare questo puoi provare ad immergerle una decina di minuti in acqua salata, strizzandole poi, e ponendole a cuocere.
Quando le melanzane e le zucchine avranno raggiunto la giusta doratura, aggiungi i pomodori che avrai pelato a tagliato a cubetti, facendo cuocere una decina di minuti, salando, pepando, ed aggiungendo 1-2 foglie di basilico.

Una volta trascorso questo tempo, unisci tra loro tutte le verdure, facendole cuocere per ulteriori 15 minuti. Poni attenzione quando mescoli il tutto, per non spappolare le verdure stesse.
Una volta che tutto questo sarà pronto, e quindi trascorsi i 15 minuti, prepara la teglia da forno. Cospargine i contorni con una noce di burro, e versa tutto il composto in essa, spolverando poi la superficie con abbondante parmigiano.
Metti in forno già caldo a 180 gradi per pochi minuti, il tempo che il formaggio si colorisca!

A questo punto puoi servire cosi,oppure decidere di servire accompagnato con del riso, semplicemente preparando il riso, scolandolo, mettendo nei piatti, e cospargendoci sopra la ratatouille.

Come Iniziare a Praticare il SUP

Oggi spieghiamo come iniziare a praticare il SUP, una delle mode del momento per quanto riguarda gli sport da praticare al mare.

Per iniziare, è importante sapere che le tavole da SUP sono disponibili in tutte le forme e dimensioni. Il tipo più comune di tavola è il paddle board rigido.
Nel 2014 sono poi comparsi sul mercato i SUP gonfiabili. Oggi, i paddle gonfiabili sono molto popolari. I SUP gonfiabili offrono molti vantaggi rispetto a quelli rigidi, tuttavia, entrambe le soluzioni possono essere valide a seconda delle tue esigenze.
Per dettagli sulla scelta della tavola è possibile vedere questa guida sul SUP gonfiabile di Luca Trucco.

Vediamo adesso quali passaggi devi seguire per alzarti in piedi su un SUP
-Porta la tavola acqua in modo che la pinna non rischi di colpire il fondale
-Inizia in ginocchio. Stando sulle ginocchia dai alcune pagaiate su ogni lato della tavola
-Lentamente, alzati con un piede alla volta e rimani al centro della tavola con i piedi paralleli, tenendoli a circa la larghezza delle spalle
-Mantieni le ginocchia leggermente piegate.
Tieni presente che potresti cadere. Quando lo fai, salta indietro e riprova.

Una volta che hai imparato a mantenere l’equilibrio, puoi iniziare a pagaiare.
Come pagaiare in avanti
-Mantieni il braccio inferiore dritto e relativamente fermo.
-Tira il braccio superiore verso il corpo per estendere la pagaia in avanti
-Ruota la spalla in avanti ed estendi la portata
-Metti la pagaia in acqua il più avanti possibile
-Invece di tirare la pagaia attraverso l’acqua, pensa a tirare oltre la pagaia.
Per rimanere in linea retta, esegui alcune pagaiate da un lato, quindi passa all’altro.

Per girare a sinistra, posiziona la pagaia nell’acqua sul lato destro. Allo stesso tempo, gira il busto sul lato sinistro.
Mantieni una posizione bassa e tira a destra, verso la coda con la pagaia, mentre ruota e piegati a sinistra con il busto. Sentirai la tavola spostarsi rapidamente a sinistra.

Per girare a destra, posiziona la pagaia vicino alla coda e tira verso la punta mentre sposti il busto verso destra.

Seguendo questi semplici consigli potrai iniziare a praticare il SUP senza problemi.

Come Fare la Raccolta Differenziata

Risulta essere buona abitudine, quella di selezionare i rifiuti in base alla loro natura. Molti non hanno ancora capito che la maggior parte dei rifiuti, potrebbero essere ancora utilizzati se solo ognuno di noi fosse più coscienzioso, e investirebbe pochi secondi della sua vita al giorno selezionando in diversi contenitori i vari rifiuti. Di seguito una guida che possa aiutare chi ne ha di bisogno. in tutte le città ormai hanno posizionato i vari bidoni dell’immondizia di colore diverso.

Cominciamo con il bidone giallo: in esso vanno riposti i rifiuti di carta e cartone. State bene attenti però, perchè va fatta una distinzione. In questo bidone andrà depositata tutta la carta e i cartoni asciutti. Cioè sono esclusi tutti gli involucri bagnati (vedi buste di latte), unti (vedi carta da forno), carta plastificata (vedi per esempio piatti e bicchieri).

Nel bidone marrone, andranno riposti tutti quanti i rifiuti organici. Per capirci meglio, tutti i rifiuti che vengono buttati nell’immondizia dopo pranzo e cena (pasta, salse, resti di pietanze, bucce di frutta, tappi di sughero, gusci di uovo, stoppini di caffè, carta bagnata etc). Sono assolutamente esclusi da questa categoria i sacchettini dell’aspirapolvere, pannolini, materiali contaminati da detersivi.

Il contenitore celeste, accoglie invece tutti i contenitori per la pulizia della casa, bottiglie in plastica; il contenitore blu invece accoglie tutti i contenitori di vetro. Infine quello grigio, accoglierà tutti i barattoli in latta, carta stagnola per alimenti, contenitori di stagnola, tappi in metallo.

Come Fare Germogliare i Semi più Velocemente

Chi pratica giardinaggio sa benissimo che la maggior parte di semi impiega dai 10 ai 20 giorni per germogliare. Con questo metodo ti basteranno dalle 48 alle 72 ore per osservare la prima “radichetta” sul tuo semino. Il fattore più affascinante è che avverrà tutto sotto i tuoi occhi: potrai vedere il seme germogliare.

Per prima cosa bisogna preparare l’ambiente più adatto per far germogliare i teneri semini. Prendi una scatoletta trasparente, se non ne possiedi già una, ti basterà acquistare dei formaggini oppure una confezione di Philadelphia (le piccole da sei sono vendute in un rettangolo di plastica), a questo punto prendi le forbici e la carta assorbente, tagliane un pezzetto in modo da poter foderare completamente il fondo della scatola. Ripeti questa operazione per 3 volte in modo da avere 3 pezzetti di carta sul fondo della tua scatola. Ora con le stesse forbici, o meglio un giravite se ce l’hai, pratica dei piccoli forellini sul tappo della scatoletta di plastica, è necessario che l’aria riesca a passare ma in quantità adeguata: attenzione a non fare dei buchi troppo grossi o si formerà della muffa sulla carta assorbente.

Deposita i semi nel tuo “Sprout Box”. Prendi i tuoi semi e depositali sul fondo del box. Non tutti sanno che la camomilla ha la capacità di disinfettare i semi e riesce inoltre ad ammorbidire il tegumento (il tessuto superficiale del seme) facilitando la fuoriuscita dei cotiledoni (le prime radichette del seme). Per questo motivo, prendi la bustina di camomilla e mettila in un bicchiere d’acqua, fai pressione sulla bustina per scaricarne l’essenza ed usa alcune gocce dell’infuso per idratare i semini; fai in modo che le gocce cadano direttamente sul seme senza fare eccessi: usa solo le gocce che possono essere assorbite in immediata prossimità dei semi. L’assorbenza dello scottex sarà sfruttata per l’acqua.

Irriga il tuo “Sprout Box”. Dopo aver fatto “riposare” per 30 minuti i semini in presenza dell’infuso di camomilla, prendi qualche goccia d’acqua (possibilmente senza calcare) e imbevi gli strati di scottex. Attenzione, questi non dovranno essere troppo zuppi, ma solo ben imbevuti, se per sbaglio metti troppa acqua tampona i bordi con un po’ di carta assorbente, senza muovere i semi.

Posiziona il tuo “Sprout Box”. Per una rapida germogliazione c’è bisogno di tenere il box con i semi al caldo (circa 28 C), per questo puoi metterlo sul case del tuo computer, un luogo abbastanza caldo. Di solito è favorita la luce solare, ma se il case del computer si trova in camera andrà bene anche quella dell’ambiente domestico. Se non vuoi poggiare il box sul tuo computer puoi metterlo in prossimità di una lampada calda da studio, in questa fase il fattore decisivo è il calore. Se sul tappo del tuo “box sprout” si saranno formate delle goccioline di condensa le cose staranno andando per il verso giusto.

Geminazione e semina. Dopo due giorni noterai delle piccolissime foglioline, bene, vuol dire che i tuoi semi sono germogliati e pronti per la semina. Questa è la fase più delicata: attento quando rimuovi i semi dagli scottex, la radichetta potrebbe essersi “attorcigliata” ai filamenti della carta assorbente, ma nulla che un po’ di delicatezza non possa risolvere. Buona semina.

Come Fare Giocare i Bambini in Spiaggia

Quante volte ti sarà successo al mare che i bambini si siano stancati di giocare con la sabbia, o non vogliono uscire dall’acqua, e non sai cosa inventare per farli stare buoni? Ecco qualcosa adatta a loro, con la quale giocheranno e si divertiranno, palla prigioniera.

Il gioco è molto semplice: si decide innanzitutto chi deve giocare, in modo che si possano fare anche due squadre. Io però consiglio di giocare tutti contro tutti. Se decide un’area ben delineata dentro la quale dovranno necessariamente stare tutti i bambini. Più sono, più dovrebbe essere grande il campo.

A questo punto si decide il primo bambino che dovrà tenere la palla. Inizierà a rincorrere gli altri bambini, tentando di colpirli con la palla. Avrà 5 minuti di tempo per colpire più persone possibili. Chi uscirà fuori dal campo delineato è come se fosse stato colpito, perciò dovrà abbandonare il quadrato di gioco.

Se il bambino avrà colpito tutti gli altri prima della fine del tempo, si inizia a giocare con un altro bambino che avrà la palla. Per tutti gli altri invece si stilerà una classifica. I bambini saranno davvero contentisimi, si divertiranno un sacco, e per un pò si dimenticheranno di fare i capricci!