Come Innaffiare le Piante Durante le Vacanze

Le vacanze sono vicine e bisogna pensare a come salvaguardare le nostre piante dalla calura del sole di luglio o di agosto, perchè abbiano a sopravvivere durante la nostra assenza. In genere la maggior parte delle piante sono in grado di sopportare, senza soffrirne, l’assenza di cure per circa tre giorni, ma, se la tua vacanza si prolunga per una settimana e oltre, bisogna provvedere a fornire loro un’adeguata irrigazione.

Non tutte le persone sanno che le piante possono sopravvivere benissimo se messe e sigillate in un contenitore di plastica trasparente, che ne assicuri e fornisca la preziosa umidita’. Cerca di procurarti dei sacchetti trasparenti abbastanza grandi e in numero adeguato alle piante che possiedi. Il giorno che precede la tua partenza irriga accuratamente le tue piante.

Prendi i sacchetti trasparenti e inserisci in ciascuno di essi una sola pianta con tutto il vaso. Assicurati che i sacchetti siano abbastanza grandi da non venire a contatto con il fogliame della pianta. Se necessario, puoi inserire delle piccole canne di legno o altro nel terreno, tali da tenere sollevata la plastica nei punti dove questa tocca la pianta. Sigilla successivamente per bene la parte superiore del sacchetto. In che modo?

Fai una torsione della parte eccedente del sacchetto e fermala con dello spago, o, se possibile, annodala. Quindi pratica nel sacchetto pochi e minuscoli fori per consentire la ventilazione e l’areazione della pianta. Il vapore acqueo, che si formerà in seguito sui lati dei sacchetti, permetterà alle tue piante di essere riciclato, mantenendole sane e vegete, fino al tuo ritorno, che potrà prolungarsi per poco più di due settimane.

Come Gestire Soldi in Coppia

Parlare in seno ad un rapporto d’amore di gestione di mere questioni materiali può apparire un contrasto stridente, ma questo è invece un aspetto estremamente importante che può evitare molti problemi. Stai andando a convivere oppure stai per sposarti e non hai idea di come organizzare la questione soldi? Continua a leggere.

Cosa significa decidere di andare a vivere insieme? Forse vuol dire proprio condividere tutto.
La scelta di aprire un conto in comune in cui confluiranno per intero le spese di entrambi è di sicuro una scelta improntata sulla fiducia e non esente da una vena di romanticismo. Se vuoi optare per questa soluzione fallo però dopo le dovute riflessioni: in caso di discordie il terreno “soldi” diventa spesso lo scenario delle lotte più cruente.

Avere conti indipendenti nonostante si conviva o ci si sia sposati può apparire squallido, o indice di disamore ma non necessariamente è così. Può essere infatti l’occasione per mantenere la propria autonomia ed è probabilmente la soluzione migliore nel caso vi siano grosse disparità sull’idea di come vada gestito il patrimonio. Tuttavia è di sicuro un modo per partire un po’ prevenuti. E partire prevenuti non è la premessa migliore per iniziare un rapporto.

Sei ancora indeciso su quale sia la scelta migliore? Non disperare, una soluzione intermedia esiste!
Aprite due conti separati in cui prelevare per le piccole spese personali,ma aprite anche un conto in comune in cui versare una somma di denaro preventivamente concordata.

Come Fare una Crema Idratante con il Cioccolato Bianco

L’idratazione della pelle è fondamentale, visto e considerato lo stress al quale essa è sottoposta ogni giorno. Non bisogna per forza spendere cifre esorbitanti in cosmetici per idratare la pelle con ottimi risultati ma si può ricorrere a creme preparate in casa in modo naturale. Un esempio è la crema idratante fatta con il cioccolato bianco, questa guida spiega come fare per ottenerla.

Per preparare in casa la crema idratante per la pelle a base di cioccolato bianco procurati queste cose: una tavoletta di cioccolato bianco, dell’olio essenziale di timo bianco, un contenitore ermetico e dell’olio di mandorle dolci; quindi procedi così: sciogli a bagnomaria la cioccolata bianca che deve essere completamente sciolta.

Aggiungi alla cioccolata bianca sciolta, pian piano, l’olio di mandorle dolci e mescola dolcemente. Dovrai ottenere un composto omogeneo. Aggiungi l’olio di timo bianco rispetto al grado di profumazione che vuoi ottenere e mescola in modo da ottenere un composto fluido. Lascia che il composto diventi tiepido, quindi versalo nel contenitore ermetico.

Lascia che il composto nel contenitore si raffreddi per bene e, solo a questo punto, chiudi bene con il tappo. La tua crema idratante è pronta: applicala mattina e sera sulla pelle di viso, mani e collo e noterai, fin dalle prime applicazioni, che la tua pelle è più morbida. Prosegui l’applicazione con costanza.

Come Gestire il Tipo di Linea in Autocad

Il comando tipo di linea di AutoCad consente di selezionare un formato diverso dalla linea di default in modo da rendere il disegno progettuale più chiaro e visibile. Questo comando è bene sempre aprirlo prima di iniziare un nuovo progetto in modo da avere sempre sotto controllo le varie tipologie di linee.

Avvia il programma AutoCad. Clicca sul browser menù, la “A” grande posizionata in alto a sinistra del monitor, clicca sul menù “formato” e all’apertura del menù a tendina clicca su “tipo di linea”.

In modo analogo ed immediato puoi inserire il comando direttamente dalla “barra dei comandi”. Scrivi quindi “tlinea” e premi invio sulla tastiera. Vediamo ora di utilizzare direttamente il comando dall’icona nella barra delle applicazioni. Clicca quindi sul simbolo corrispondente come riportato in figura.

Attiva il comando digitando sulla tastiera “tlinea” e premi invio per confermare. Si apre una finestra dove potrai caricare le varie tipologie di linea.
Vedrai ora un elenco di default utilizzato da AutoCad. In questo elenco ci sono delle tipologie di linea già utilizzabili per iniziare a disegnare.

Ora iniziamo a caricare diverse tipologie di linee che durante la progettazione potrebbero essere utili. Fai un click sul pulsante “carica”. Si aprirà una nuova finestra. In questa finestra puoi selezionare tutti gli stile linea che ritieni ti possano servire. Ti ricordo che in ogni momento potrai sempre selezionare e cambiare lo stile linea. Non esiste un limite, puoi caricarli anche tutti gli stili. Seleziona lo stile e premi ok. Ripeti la funzioni fin quando avrai caricato tutti gli stili di cui avrai bisogno.

Il tipo di linea corrente è quello utilizzato da AutoCad come default. Puoi modificare questo stile semplicemente selezionando uno tra quelli in elenco e poi fai un click su corrente. In questo modo avrai impostato come default lo stile selezionato. Inoltre selezionando uno stile e con un click sul pulsante “mostra dettagli”, potrai modificare anche lo spessore del pennino. Nell’immagine che segue vedrai uno stile applicato ad una semplice linea.
In ogni momento, durante la fase di progettazione puoi cambiare semplicemente lo stile della linea, basta selezionarla e fare un click su proprietà o fare un click con il tasto destro del mouse e accedere al pannello facendo click su proprietà.

Come Combattere la Cellulite

Se sei una ritardataria della remise en forme e vedi la prova costume sempre più vicina (e sempre più minacciosa), combatti cuscinetti e buccia d’arancia con prodotti, trattamenti e strategie urto. Vediamo insieme come affrontare la cellulite con un programma last minute.

In fatto di lotta alla cellulite non è mai troppo tardi: certo, è sicuramente meglio giocare d’anticipo iniziando terapie cosmetiche, massaggi, trattamenti e quant’altro alle prime avvisaglie di primavera. Ancora meglio: l’ideale sarebbe curare il fattore cellulite in ogni momento dell’anno in modo preventivo.

Riattiva la circolazione
Mantenere la circolazione attiva aiuta a combattere il ristagno di liquidi, i cuscinetti e i gonfiori, soprattutto quelli derivanti dal caldo estivo. Che fare? Sotto la doccia regala dei getti di acqua fresca su cosce e caviglie, massaggia la pelle con un guanto, utilizza uno scrub ai sali marini e uno spray defatigante la sera, dopo la doccia.
Un effetto simile può essere ottenuto con la pedana vibrante, che riattiva la circolazione tramite le vibrazioni del corpo.

Massaggiare
Una buona azione massaggiante può davvero rendere la pelle e le tue gambe diverse: migliora l’aspetto cutaneo, drena i liquidi, assottiglia i centimetri di girocoscia. Dal masaggio professionale in istituto, a quello manuale da effettuare nella comodità di casa tua: come applichi i prodotti, con che gestualità, fa davvero la differenza.

Scrub e sali
Da non sottovalutare il potere dello scrub: esso non è soltanto un intervento “meccanico” di esfoliazione della pelle, anzi; se scelto dalla formula ricca di sali marini, drena i liquidi sgonfiando in modo significativo le parti affette da ritenzione liquida.

Alghe anti cellulite
Importanti, nella cura della cellulite, le alghe, rimedi che tra l’altro non costano molto. In particolare l’alga laminaria, con foglie larghe e facilmente applicabili sul corpo. Funzionano attraverso l’assorbimento dello iodio contenuto da parte della pelle, che va a stimolare il metabolismo. In alternativa, creme a base di alghe.

Al mare, cosa fare
Le radiazioni e il calore del sole dilatano i vasi capillari e danneggiano i tessuti. Il consiglio allora è:
– scherma le gambe con un filtro ad alta protezione
– mantienile sempre bagnate
– prendi il sole camminando in riva al mare

Al mare, cosa non fare
Non coprire le gambe con un asciugamano senza mettere una protezione adeguata: Il calore che si crea peggiora ulteriormente l’inestetismo.

L’esercizio consigliato
Camminare almeno 20 minuti al giorno aiuta il sistema linfatico a lavorare meglio e a impedire il ristagno di liquidi. Non sono consigliati la corsa, però che andrebbe a creare micro-traumi al sistema circolatorio.