Come Preparare la Stanza di un Bambino

Prima di tutto, se potete scegliere quale sarà la stanza destinata al bambino preferitene una ben areata ed abbastanza ampia, sia perchè il bambino vi trascorrerà molto tempo che perchè si riempirà rapidamente di giochi ed oggetti vari.

Preferite una stanza che si trovi in un luogo tranquillo della casa, ma facilmente controllabile dai genitori, se abitate in una strada trafficata preferite una stanza che da sul cortile interno.

Nel preparare la stanzetta, dai materiali, ai colori, fino all’arredamento non tenete conto solo dell’aspetto estetico, ma soprattutto alla salute e al comfort del bambino.
Se dovete scegliere il pavimento, scegliete un materiale facilmente lavabile e non trattato con prodotti tossici, poichè il bambino trascorre molto tempo a terra nei primi anni di vita.

L’ideale e il legno, perchè è un materiale caldo, naturale e facile da pulire, mentre i pavimenti di marmo e di ceramica, pur avendo il vantaggio di essere puliti facilmente, sono freddi.
In questo caso si può ovviare mettendo un tappeto, possibilmente senza frange, abbastanza doppio per isolare, e, ovviamente facile da lavare, da evitare la moquette, nella quale si annida facilmente la polvere.

Relativamente alle pareti bisogna scegliere una vernice ad acqua, scarsamente nociva e lavabile. Tenete conto infatti che il bambino tenderà a colorarla o a sporcarle in vario modo.
Questo vale anche se doveste preferire i parati, sceglieteli lavabili se non volete essere costretti dopo poco tempo a cambiarli, perchè il bambino li rovinerebbe in breve tempo
Se l’ambiente è secco, può essere utile posizionare un umidificatore nella stanza. Per scegliere il modello è possibile vedere le guide sull’umidificatore su Umidificatoreok.com.

Nei primi anni il bambino dormirà in un lettino con le sponde. Le sponde dovrebbero essere alte almeno 75 cm per non essere facilmente scavalcate dal bambino, e abbassabili, ma con un fermo a prova di bimbo.
Fate attenzione allo spazio tra le sbarre, non deve essere inferiore ai 6 cm e non deve superare i 7,5 – 8 cm. Il fondo del letto deve essere piatto e ben areato, può essere di legno (doghe) o di metallo (rete).

Il materasso deve essere delle giuste dimensioni per non lasciare spazi pericolosi, dovrebbe essere in materiali naturali, tipo cotone, o di gommapiuma. Evitate i materassi di lana.
Infatti il materasso di lana si deforma con facilità, e può creare maggiori problemi in caso di allergie. La scelta di utilizzare o meno il cuscino e soggettiva, mentre è preferibile utilizzare paracolpi.

Il fasciatoio dovrà essere prima di tutto stabile, abbastanza grande per permettervi di cambiare il bambino comodamente e , ovviamente, di un materiale facilmente lavabile.

Come Eliminare Odori del Gatto

Chiunque abbia in casa un gatto, maschio o femmina che sia, dovrà fare i conti con gli spruzzi di pipì nei periodi di calore. Questo odore è molto intenso e sgradevole, e molte volte è veramente difficile eliminarlo. Nella guida seguente qualche consiglio.

Prendete uno spruzzino di riciclo o uno spruzzatore specifico per le piante. Dovrete avere a portata di mano delle grandi quantità di aceto bianco. Versate l’aceto all’interno del recipiente e tenetelo sempre pronto. Quando vedete il vostro gatto che spruzza sui muri, spruzzate immediatamente l’aceto sul muro o per terra.

Aspettate qualche minuto, quindi, lavate con acqua semplice oppure con acqua e detersivo. Ovviamente, non sempre potrete monitorare il vostro gatto, ma potete capire dove avrà spruzzato anche senza vederlo, semplicemente avvicinandovi nel loco e sentendo l’odore intenso. Spruzzate aceto a tutto spiano.

La stessa cosa vale per le coperte o maglioni o qualsiasi altro indumento: tamponate l’indumento con una grande quantità di aceto bianco, quindi dopo qualche minuto, o anche dopo qualche ora, lavate con acqua e potete proseguire con il lavaggio in lavatrice con acqua e detersivo. Per evitare che i gatti spruzzino intorno alla casa, potete spruzzare (solo all’esterno) della creolina.

Come Dipingere nel Latte

In questa guida vi spiego come dipingere nel latte, un’attività semplice che potete realizzare insieme ai bambini nei lunghi pomeriggi estivi oppure per creare un momento di magia casalinga durante una festa. Servono pochissimi ingredienti ma il divertimento è assicurato.

Preparate tutto l’occorrente su un tavolo, come potete vedere nella figura qui sotto.

Vi serviranno un piatto fondo, non troppo largo, un bicchiere di latte, un cotton fioc ed una goccia di detersivo per piatti ed infine qualche vasetto di colori liquidi per alimenti a vostra scelta.

Versate il latte nel piatto, considerate che un bicchiere di medie dimensioni è sufficiente. Aggiungete, in diversi punti del latte, una goccia di colorante alimentare, io ho utilizzato il giallo, il verde ed il rosso. Cercate di fare in modo che le gocce siano distanziate tra loro.

Ora, intingete il cotton fioc nel detersivo, e con la mano leggera sfiorate la superficie del latte, proprio dove avete messo il primo colore, magicamente il colore scivolerà sul latte formando un cerchio, fate la stessa cosa con gli altri colori.

Muovendo delicatamente il cotton fioc potrete creare diversi e magici effetti disegnati nel latte.

Come Eliminare Afidi dalle Piante

Gli afidi delle piante, specialmente rose, sono dei piccolissimi insetti verdi detti anche pidocchi delle piante. A primavera, con i primi tepori, ricoprono i germogli e i boccioli e se li mangiano allegramente! Quindi, se hai delle piante dalle quali stai aspettando con ansia di vedere i fiori sbocciati, ti darà molto fastidio trovarli rosicchiati!

Le soluzioni per eliminare gli afidi sono abbastanza semplici: o ti metti a schiacciarli con le dita o con un fazzolettino di carta e anche questo non è molto simpatico da fare, anche perchè di sicuro te ne sfuggiranno almeno un paio e alla fine ti ritroverai con la pianta spiaccicata di verde e i boccioli semi-distrutti senza aver concluso molto.

La soluzione migliore, però è scegliere di eliminarli in modo casalingo e veloce, una volta per tutte. Quindi, procurati del sapone da bucato e mettilo a mollo in una bacinella con acqua tiepida. Lascialo lì fino a quando l’acqua diventerà lattiginosa e il sapone molle. Assicurati che l’acqua sia sempre tiepida, aggiungendo acqua calda se necessario.

A quel punto non ti resta che mettere l’acqua saponata in uno spruzzatore e irrorare generosamente le piante colpite dagli afidi, lavandoli via senza rimorso. Ripeti l’operazione due o tre volte di seguito, meglio se di sera, così che poi il sapone rimanga per tutta la notte sulla pianta e impedisca agli afidi di riattaccarsi.

Come Dipingere lo Studio

Sicuramente concorderai con me che lo studio ha una certa importanza, in quanto è la parte della nostra casa destinata ad accogliere i clienti. A questo proposito ti consiglio di leggere la mia guida all’interno della quale ti darò dei validi consigli su quale colore scegliere per dipingere le pareti dello studio.

Essendo una stanza destinata per lo più alla riflessione ed alla concentrazione, ti consiglio di dipingere le pareti dello studio con tinte poco aggressive e che ispirino calma e tranquillità. Nello specifico, ti consiglio di usare dei colori come il giallo chiaro, il bianco, il salmone e l’arancio, vale a dire dei colori che producono un effetto rilassante sul sistema nervoso.

In particolare, il colore arancio aiuta la memoria, mentre il viola tenue ha un effetto rilassante sui nervi. Per lo studio, ti consiglio assolutamente di non usare de colori troppo vivaci come il rosso o il giallo accesso, che hanno sì un effetto energizzante, ma risultano aggressivi e non favoriscono la concentrazione.

Naturalmente, anche in questo caso dovrai rispettare la regola dell’accostamento dei colori con le tinte dell’arredamento, del pavimento e della tappezzeria. Ti consiglio di evitare l’effetto monocromatico, che a lungo andare stanca la vista e fa sembrare la stanza troppo piena, mentre la soluzione ideale è quella del contrasto, con muri chiari per mobili scuri e viceversa.